skip to Main Content
Circ.ne Clodia, 88 - 00195 Roma (RM) +39 06 39722933 info@imdconsulting.it
Certificazione Unica 2019: Come Funziona

Certificazione Unica 2019: come funziona

A molti (lavoratori o coloro che hanno responsabilità aziendali) è capitato di sentir parlare della cosiddetta certificazione unica. Questo tipo di documento è la versione che ha preso il posto del precedente modello CUD e che serve, per i lavoratori e coloro che percepiscono una pensione, per presentare la propria dichiarazione dei redditi. Approfondiamo il discorso capendo quali sono le caratteristiche di questo documento, quali le istruzioni per la compilazione della certificazione unica del 2019 e quali le scadenze per la consegna.

La Certificazione Unica 2019 per il periodo d’imposta 2018

Per leggere e comprendere la certificazione unica bisogna innanzitutto distinguere tra due termini cui tale documento fa riferimento:

  • sostituto d’imposta – è il datore di lavoro che corrisponde al dipendente il reddito pattuito;
  • sostituto – è il lavoratore che percepisce il reddito indicato nella certificazione.

La certificazione unica fa riferimento a quanto il lavoratore ha guadagnato per quel lavoro nell’anno fiscale precedente; per questo la Certificazione Unica 2019 andrà a indicare il reddito percepito nel 2018.

Invio e ricezione della certificazione unica

Come abbiamo sintetizzato, la certificazione unica è quel documento fiscale che il datore di lavoro invia ai propri dipendenti (anche quelli che fanno parte del settore pubblico, per i lavoratori autonomi e per i pensionati, nel quale sono presenti quei dati utili alla compilazione del modello 730 precompilato e di qualsiasi altro tipo di dichiarazione dei redditi.

I sostituti d’imposta devono inviare, per il 2019, la certificazione ai propri lavoratori (sia autonomi che dipendenti) entro il 1 aprile. La scadenza naturale di questo obbligo è quella del 31 marzo, ma cadendo di domenica è stata posticipata al primo giorno lavorativo utile. La Certificazione Unica 2019 può essere consegnata ai lavoratori sia in formato cartaceo (a mano o a mezzo posta) che in forma digitale (via email). L’invio in forma digitale può essere effettuato solamente quando il sostituto d’imposta è certo che il lavoratore abbia le competenze e le possibilità di accedere a questo documento.

La Certificazione Unica 2019 si compone di due fogli. Nel primo sono riportati i dati anagrafici del lavoratore e la firma del sostituto d’imposta. Nel secondo foglio, invece, sono presenti i vari dati fiscali, con i redditi percepiti dal lavoratore e le eventuali detrazioni, suddivise per tipologia.

I lavoratori devono conservare questo documento in modo da poterlo utilizzare per la compilazione della dichiarazione dei redditi (730 o Reddito PF). Nel caso si constatassero degli errori è obbligatorio comunicarlo tempestivamente al proprio datore di lavoro che dovrà comunicare le correzioni direttamente all’Agenzia delle Entrate.

Modello ordinario e sintetico

Ogni anno sono prodotti due diversi modelli per la certificazione unica, uno ordinario e uno sintetico. Il modello ordinario è quello che i datori di lavoro devono inviare, compilato in ogni sua parte, direttamente all’Agenzia delle Entrate. Quello sintetico, invece, è il modello che viene consegnato al lavoratore o al pensionato.

Come si fa la certificazione unica

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è presente un corposo vademecum con le istruzioni per la compilazione per il periodo d’imposta 2018. All’interno di questo documento è specificato come: “sono tenute alla compilazione della Certificazione Unica tutte le Amministrazioni sostituti d’imposta comunque iscritte alle gestioni confluite nell’INPS gestione Dipendenti Pubblici, nonché gli enti con personale iscritto per opzione all’INPS gestione Dipendenti Pubblici. La dichiarazione va compilata anche da parte dei soggetti sostituti d’imposta con dipendenti iscritti alla sola gestione assicurativa ENPDEP.

Nel caso si avessero delle difficoltà nella predisposizione, nell’invio e nella ricezione della Certificazione Unica 2019, si consiglia di richiedere una consulenza fiscale con la quale intervenire in maniera tempestiva e risolvere ogni tipo di problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×Close search
Cerca